La Graphistudio torna dalla tana dell’Urania con venti punti sul groppone.

Presentatasi nella città ambrosiana senza Gaspardo e con soli nove effettivi a causa degli infortuni che hanno colpito i giovani aggregati Spilimbergo non è però subito stata schiacciata dai Wildcats.

E’ il quintetto formato da Seravalli, Piccini, Bosio, Ellero e Radovanovic a interpretare meglio i primi 10 minuti di gioco. Infatti la Graphistudio chiude la prima frazione in vantaggio per 23-16 grazie a una buona prestazione corale, nonostante conceda troppi secondi tiri ai padroni di casa.
Sarà proprio questa una delle cause della debacle che prenderà forma nei due quarti centrali. Seravalli è costretto a sedersi in panchina presto gravato di due penalità e, contemporaneamente, Milano scalda le mani dei suoi tiratori, bucando ripetutamente la zona mosaicista con Malerba, Villa e Negri. Al riposo il punteggio segna 43-36 per i meneghini. Nel terzo parziale il nervosismo in casa Graphistudio sale e porta al fischio di tre falli tecnici, che uniti ai contropiedi dell’atipico lungo Fusella portano lo score sul 66-46 del 30′. Nell’ultimo parziale la Graphistudio gioca la carta dell’orgoglio e cerca di buttare la partita nella bagarre, mossa che, insieme a un nuovo passaggio a zona, porta capitan Accardo e soci fino al -11, sono però le bombe del solito Malerba e

Novati a mettere in ghiaccio il risultato per Milano, che chiude sull’82-62..

Sabato alle 18.30 alla Favorita arriverà Lecco. L’occasione per rimediare è subito a portata di mano.

Il Tabellino

URANIA MILANO – GRAPHISTUDIO SPILIMBERGO 82-62 (17-23,43-36,66-46,82-62)

URANIA : Resca 10, Torgano 2, Negri 17, Chiragarula 2, Novati 12, Villa 11, Stenco, Malerba 12, Fusella 16, Fauda Pichet.

GRAPHISTUDIO : Nassutti n.e., Piccini 11, Bosio 8, Seravalli 19, Daniotti 4, D’Andrea, Radovanovic 16, Ellero 4, Accardo.

Note. Usciti per 5 falli :Seravalli. Falli Tecnici a Andriola, Piccini e Radovanovic.