E’ la Calligaris Corno ad uscire con i due punti dalla Favorita, ma lo spettacolo di cui hanno potuto godere i tifosi di entrambe le compagini è stato di prim’ordine, grazie ad una gara che, nonostante il punteggio sembri dire il contrario, è stata combattuta per tutti i 40 minuti.

E’ Corno a scattare meglio dai blocchi di partenza, sforacchiando la retina da ogni posizione, mentre per Spilimbergo il canestro sembra la cruna di un ago, tanto che il primo quarto si chiude sul 13-25 esterno. Un ritrovato Nanut e un Tonetti in serata di grazia (saranno 19 i punti per lui al 20′) cercano di far scappare la Calligaris, ma le iniziative di Seravalli, Ellero e Bosio riportano la Graphistudio a -.9. Qui però una fiscalissima decisione di una coppia in grigio che ha scontentato ambo le parti sanziona un fallo tecnico allo stesso Ellero con i seggiolai che vanno all’intervallo addirittura a +17 sul 52-35. La Graphistudio però non ci sta e torna a -6 sulla scia del magic moment di Piccini, un paio di canestri chirurgici di Ferrari e Pigato però ricacciano la band di Andriola sul -11 del 63-74 di fine terzo parziale. L’ultimo quarto segue il copione dei minuti precedenti con la Vis che cerca di tornare a contatto, ma Corno è brava (e in un paio di occasioni anche fortunata) a trovare sempre il canestro giusto al momento giusto, portando a casa partita e due punti sul punteggio finale di 81-91.

La band di coach Andriola è però consapevole di aver ritrovato il suo spirito battagliero e scenderà in campo ancor più determinata domenica 23 alle ore 18 a Costa Volpino contro la locale Vivigas.

SPILIMBERGO – CORNO DI ROSAZZO 81 – 91
Graphistudio Spilimbergo: Piccini 12, Bosio 19, Seravalli 18, Radovanovic 7, Ellero 20, Gaspardo 2, Accardo 3; non entrati: Nassutti, D’Andrea e Passudetti. Coach Andriola.
Calligaris Corno di Rosazzo: Avanzo, Fumolo, Tonetti 21, Pigato 14, Miniussi 3, Nanut 10, Vidani 13, Ferrari 20, Zambon 10, Dri. Coach Zuppi.
Parziali: 13-25, 35-52, 63-74
Arbitri Brotto e Chiodi.