Spilimbergo perde con onore a Castellanza

CASTELLANZA – SPILIMBERGO   92 – 86

La Graphistudio Spilimbergo si arrende con onore a Castellanza, in casa della seconda della classe: una partita ben giocata, dalla formazione di coach Andriola, che fino all’ultimo non ha mollato contro un team molto quotato e con individualità di spicco quali Masper e Simone Cotani, due elementi che hanno militato in categorie ben superiori, ma anche il cividalese Filiberto Dri e l’ottimo Arui.

I padroni di casa, forse un pò appagati dalla posizione in classifica e dal fatto di non poter raggiungere il primo posto, vengono sorpresi dall’approccio molto convinto dei mosaicisti, che ovviamente devono guadagnarsi punti importanti in chiave salvezza, per evitare di giocare i playout contro Riva del Garda (pure se quest’ultima dovrebbe essere penalizzata in classifica a causa di problemi con le necessarie giovanili).

Fatto sta che i ragazzi di Andriola giocano, e bene, fin dai primi minuti: Ellero (2/5 da due, 2/2 da tre, 1/1 ai liberi, 7 rimbalzi) è il protagonista dell’avvio lanciato di Spilimbergo, poi comunque è il ruvidoCotani (7/11 al tiro, 6 rimbalzi, 7 falli subiti, 5 assist) a rispondere con la sua inarrestabile fisicità ma anche ottimo occhio per l’assist. Il primo periodo si chiude con Castellanza avanti di uno, ma comunque i padroni di casa sembrano poter riuscire a scappare durante la seconda frazione:Cristiano Masper (9/15 dal campo, 3/3 ai liberi, 8 rimbalzi) è il solito trattato di sapienza cestistica nei pressi del ferro e, con un miniparziale di 15-8, la Royal effettua uno strappo sensibile.

In questo frangente, però, la Graphistudio ritorna subito sotto con due triple del solito diabolico Luca Pesaresi (3/4 da due, 6/13 dall’arco dei tre punti, 5 rimbalzi, 3 assist), micidiale nel tiro da fuori: 42-41 al 20′ e dunque abbiamo una partita.

Radovanovic e Gaspardo (5/11 da due, 6/8 ai liberi, 5 rimbalzi, 5 falli subiti) lavorano bene contro la coppia Masper – Cotani dentro l’area ed in generale Spilimbergo ha un ottimo approccio e rimane costantemente in partita, pure se contro Castellanza non ci si può assolutamente distrarre: coach Crotti pesca dalla panchina il “jolly” Arui (2/2 da due, 4/6 nelle bombe, 5/6 ai liberi, 2 assist, 2 recuperi), che scarica due triple pesantissime ed apre un parziale che allontana la Royal verso la fine del terzo periodo.

Spilimbergo accusa il colpo e, dopo il meno sei del 30′, finisce anche a meno nove: un gap difficilissimo da colmare, perchè al massimo la Graphistudio riesce a toccare il 76-74, con Max Bosio (6/10 dal campo, 5 rimbalzi) che dà un colpo di coda, ma è ancora Arui il “killer” mosaicista. Il giovane play di Crotti mette dentro i canestri che allontanano definitivamente Castellanza e costringono Spilimbergo alla sconfitta: onorevole, ma pur sempre sconfitta.

 Articolo tratto da www.megabasket.it

 

ROYAL CASTELLANZA Dri 17, Re, Scomparin 7, Arui 21, Maiocco 6, Corno 4, Rambaldi, Sacco, Cotani 16, Masper 21. Coach Crotti.

GRAPHISTUDIO VIS SPILIMBERGO Passudetti, Dal Moro, Facchin, Accardo 5, Radovanovic 10, Gaspardo 16, Bosio 13, Ellero 11, Serravalli 7, Pesaresi 24. Coach Andriola.

 

Parziali 22-21, 42-41, 68-62

Arbitri Giacalone e Lombardo di Trapani.

Note Tiri liberi: Castellanza 17 su 26, Graphistudio 19 su 26. Da tre punti: Castellanza 7 su 17, Graphistudio 11 su 27.