Un brusco quanto inaspettato risveglio in casa Vis dopo la prestazione incolore fornita dal Team mosaicista sul campo della Ubc Udine, nessun dramma per carità, ma per Coach Musiello è subito ora di correre ai ripari affinché si cambi immediatamente rotta.
Va da se che una giornata storta può sempre capitare ma evidentemente il cartello di “ lavori in corso” in casa Vis è ancora ben visibile
Con il Coach originario di Torviscosa abbiamo fatto il punto della situazione.

Coach , da dove iniziamo ? Troppo brutta per essere vera la Vis vista all’opera al Benedetti ?

“E stata veramente una prova incolore e dire incolore forse è poco, ci e mancato il giusto atteggiamento per affrontare una partita importante, ci è mancata la voglia di battagliare e di contrastare un avversario forte che non aveva mai perso, mi ritengo il primo responsabile di questa prestazione perché l’allenatore deve sempre riuscire a far trovare le motivazioni alla squadra anche quando le cose non vanno benissimo a livello di allenamenti, mi auguro che questa settimana ci si possa allenare bene con grande intensità e con voglia di riscatto per far vedere alle tante persone che ci hanno seguito ad Udine che possono continuare a seguirci ancora perchè vogliamo dare del filo da torcere a tutte le squadre che giocheranno contro la Vis. “.

Naturalmente avrai cercato di capire il perché di questa brutta prestazione , è solo il frutto di una giornata storta collettiva o ci metti dell’altro ?

“ Quando una squadra come la nostra fa solo 57 punti probabilmente dovremmo rivedere qualche cosa, per questo motivo mi sento il primo responsabile della prestazione , è chiaro però che anche nella testa dei giocatori qualcosa deve cambiare, non devono crearsi degli alibi perché magari la settimana di allenamenti non è stata come noi la vorremmo, il sabato quando c’ è la partita bisogna avere un approccio diverso.”

Coach alle volte si ha la sensazione che quando incontrate dei momenti di difficoltà i tuoi giocatori cerchino troppo la giocata individuale .

“ Si, non so esattamente perché questo accada , cercheremo dentro ognuno di noi le motivazioni per poter fare delle prestazioni migliori, a livello tattico qualcosa cambieremo sicuramente affinché tutti possano esprimersi al meglio, mi aspetto però dai ragazzi una reazione d’orgoglio con la voglia di non farsi mettere i piedi in testa dai nostri avversari , questo deve essere il nostro imprinting per tutta la stagione se vogliamo davvero fare un campionato di vertice”.