Spilimbergo crolla contro Padova

Spilimbergo crolla contro Padova

SPILIMBERGO – VIRTUS PADOVA   48 – 90

Partita senza storia alla “Favorita” di Spilimbergo: nell’ultima giornata di regular season, la Broetto Costruzioni Virtus Padova non ha problemi contro una Graphistudio rinunciataria e oramai già in vacanza. Archiviato il campionato con la salvezza, i mosaicisti lasciano strada libera alla squadra di Friso, alla disperata ricerca di due punti per poter accedere alla fase successiva: ne è venuto fuori un match assolutamente senza storia, con i giocatori di Ostan che non sono mai riusciti ad entrare in partita, mentre dall’altra parte i vari Canelo, Di Fonzo, Lazzaro e Salvato hanno letteralmente “pasteggiato” contro i diretti avversari.

Spilimbergo perde contro Corno di Rosazzo

Spilimbergo perde contro Corno di Rosazzo

CORNO DI ROSAZZO – SPILIMBERGO   86 – 67

La Calligaris Corno di Rosazzo non lascia scampo alla Graphistudio Spilimbergo nel derby regionale della penultima giornata di ritorno, in Serie C. I seggiolai si impongono per 86-67 in casa, riuscendo a rispondere sempre ai tentativi di rimonta dei mosaicisti: la squadra di Ostan, nell’ultimo periodo, ha decisamente migliorato il suo rendimento ed è un cliente scomodo, ma l’inizio dei padroni di casa è veemente.

Spilimbergo batte sulla sirena San Vendemiano

SPILIMBERGO – SAN VENDEMIANO   63 – 60

Una Graphistudio Spilimbergo trasformata ottiene la quarta vittoria consecutiva: di fronte al proprio pubblico, la compagine di Nicola Ostan si trovava di fronte quella San Vendemiano che, fra gli altri, può schierare il pordenonese Andrea Muner oltre al “totem” Carlesso ed il bomber Pin Dal Pos.

Spilimbergo batte Mestre dopo due overtime

MESTRE – SPILIMBERGO    88 – 90 dopo 2 supplementari

La prima vittoria in trasferta di Spilimbergo arriva con un doppio overtime sul campo di Mestre: altro grande “colpo di coda” dei mosaicisti, che riescono a battere una formazione dotata di individualità del calibro di Zatta, Delle Monache, Munaretto e Mink. La Graphistudio ha interpretato la gara al meglio, con spirito battagliero e senza mai farsi prendere dallo sconforto quando i padroni di casa hanno preso un vantaggio leggermente più sensibile: nel primo quarto, infatti, la Gemini accelera sul +5 con Delle Monache(7/11 dal campo e 19 rimbalzi) dominante dentro l’area; rimettono le cose in equilibrio i soliti Cernivani, Nobile e Bagnarol, trio di “piccoli” terribili di coach Ostan che non può contare suNozzolillo.