Decima giornata: Spilimbergo cade contro la capolista Corno di Rosazzo

CORNO DI ROSAZZO 79
SPILIMBERGO 70

Il match, programmato presso lo splendido PalaPerusini di Cividale del Friuli, è stato condizionato dal primo quarto strepitoso di Nanut e soci: prima della partita, premiato lo spilimberghese Marco Diviach, ex capitano storico della Calligaris che attualmente milita in maglia Graphistudio ma viene sempre ricordato con piacere dai tifosi di Corno.

Dopo il saluto al play/guardia di Andriola, spazio al basket giocato ed è la Calligaris che parte a razzo: 21-6 di parziale nei dieci minuti iniziali, con Spilimbergo praticamente paralizzata, mentre Corno viaggia su ritmi alti con attacchi precisi e ben portati da tutti gli effettivi. Patrick Nanut (5/10 da due, 1/6 da tre, 9/11 nei personali, 9 falli subiti, 8 rimbalzi, 4 assist) è bravo non solo a segnare, ma anche a smazzare assistenze pregevoli per i propri compagni, che tramutano in punti tutti i suggerimenti della guardia ex Gorizia e Omegna.

Sotto di quindici punti, Spilimbergo reagisce come può, con Diviach (2/6 da due, 5/6 da tre, 6/6 ai liberi, 6 rimbalzi) che interpreta al meglio la parte dell’ex velenoso: il play/guardia, però, è l’unica vera risorsa offensiva di una Graphistudio che non riesce a produrre un fatturato degno del suo nome. Corno continua a colpire in attacco ed all’intervallo siamo sempre sul +16, 44-28.

Al rientro dagli spogliatoi, il margine rischia di diventare pesante: la Calligaris, con un 4-0, tocca il +20, ma a questo punto comincia la rimonta della Graphistudio. Gli uomini di Andriola non vogliono cedere in maniera così clamorosa ed oltre a Diviach si mettono a produrre in attacco anche i vari Benigni ed Ogrisek (13 rimbalzi e 8 falli subiti). Alla terza sirena lo svantaggio è di undici lunghezze per la Graphistudio, con una Calligaris che rallenta leggermente sotto lo specchio offensivo: c’è di nuovo una partita, perchè ora i mosaicisti non hanno intenzione di mollare e, trascinati dai punti di Diviach, toccano il meno sei quando mancano tre minuti alla fine (71-65).

La Calligaris, lasciata sfogare Spilimbergo, decide di chiudere il match affidando la palla a Nanut e all’ottimo Pigato (6/9 dal campo, 2/2 ai liberi), che siglano i canestri decisivi per tenere a bada il veemente ritorno degli ospiti: per Spilimbergo, tanta buona volontà che però è stata condizionata da una partenza troppo soft, mentre la Calligaris ne ha approfittato e, con il cinismo caratteristico delle grandi squadre, ha collezionato la nona vittoria in altrettante gare.

Articolo tratto da www.megabasket.it

 

Guarda le foto della partita su www.megabasket.it

 

Calligaris Corno di Rosazzo: Avanzo 2, Fumolo 2, Pigato 14, Miniussi 4, Nanut 22, Luszach 3, Vidani 9, Ferrari 10, Piani 13; non entrato: Gobbo. Coach Zuppi.

Graphistudio Spilimbergo: Ogrisek 8, Fazzi 8, Benigni 11, Leita 10, Bagnarol 3, Diviach 25, Gaspardo 4, Accardo 1; non entrati: Daniotti e Vitolo. Coach Andriola.