SAN VENDEMIANO – SPILIMBERGO 83 – 73

La Graphistudio Spilimbergo perde a San Vendemiano ma lotta fino alla fine, contro la Rucker SanVe dell’ex Pienne Andrea Muner e del figlio d’arte Gherardini. Un impegno improbo, quello che si presentava ai mosaicisti, chiamati ad affrontare la trasferta veneta senza il miglior realizzatore e leader Federico Bagnarol: assenza non da poco, per il team mosaicista, che deve partire subito ad handicap. I veneti, infatti, riescono ad innescare al meglio le ali Muner (5/6 da due, 2/2 da tre, 9 rimbalzi, 2 recuperi) e Rossetto (3/7 da due, 2/3 da tre, 4/4 ai liberi, 3 assist), che permettono alla Rucker di andare sul +7 dopo dieci minuti. In casa Graphistudio, però, c’è uno Stefano Cernivani assoluto protagonista: il playmaker triestino di Galetti fa vedere i sorci verdi a ogni difensore di SanVe, tanto da segnare gran parte dei suoi punti nei primi due periodi di gioco: terminerà con 26 punti nello scout personale, frutto di un ottimo 6/7 da due, 3/7 da tre, 5/5 in lunetta e 4 assist, dunque creando anche gioco per i compagni.

Spilimbergo rimane a contatto con gli avversari proprio grazie a “Cerni”, che insieme a Nozzolillo e Nobile forma un trio che dà sicurezza a coach Galetti: San Vendemiano, dal canto suo, offre una buona prova dal punto di vista offensivo, tirando con discrete percentuali e mettendo a referto 43 punti in 20 minuti. La partita è comunque in equilibrio, poi Cernivani nel terzo quarto corona la minirimonta mosaicista sul 51-52; con grande carattere, gli ospiti rimangono in partita e si fanno beffe del maggior centimetraggio sotto le plance del team di Volpato, chiudendo a meno quattro il terzo quarto. Nell’ultima frazione, la Rucker ha un sussulto e conquista il +11 (75-64), ma ancora una volta non molla la Graphistudio: 0-9 di break a favore dei mosaicisti, che producono il loro massimo sforzo e si riportano sul 75-73. C’è una partita, ma negli ultimi tre minuti di spegne la luce di Spilimbergo: San Vendemiano ne approfitta e, con grande esperienza, infila un 8-0 di controparziale. E’ l’allungo decisivo, perchè il team di Galetti non riuscirà più a trovare il canestro e dunque la partita si chiuderà con un +10 a favore della Rucker SanVe.

Rucker SanVe San Vendemiano: Masocco 2, Gherardini 14, Casagrande, Rossetto 16, Bovolenta 6, Bertolo 3, Bianchini 6, Pin Dal Pos 12, Muner 16, Carlesso 8. All. Volapto.

Graphistudio VIS Spilimbergo: Cernivani 26, Nozzolillo 10, Passudetti 5, Nobile 10, D’Andrea 8, Bagnarol n.e., Gaspardo 9, Milickovic 1, G. Bianchini, P. Bianchini 4. All. Galetti.

Parziali: 23-16, 43-38, 68-64
Arbitri: Fior di Noale e Toffolo di Pordenone.
Note: Tiri liberi: San Vendemiano 12 su 18, Spilimbergo 15 su 17. Da tre punti: San Vendemiano 9 su 20, Spilimbergo 8 su 26. Fallo tecnico a D’Andrea.

Articolo tratto da www.megabasket.it