Derby friulano vinto dalla Falconstar Monfalcone

FALCONSTAR MONFALCONE – SPILIMBERGO   93 – 60

Il secondo derby regionale in programma per la giornata di Serie C, dopo quello fra Ardita e Corno di Rosazzo, vede la tranquilla vittoria della Falconstar Monfalcone contro la Graphistudio Spilimbergo: il “nuovo corso” mosaicista, con Nicola Ostan in panchina, inizia con un’avversaria difficile ed in più le assenze di Cernivani per squalifica e Nobile per infortunio.

L’esterno classe 1993 è in panchina solo per onor di firma e dunque le rotazioni degli esterni sono molto ridotte; in casa Falconstar, invece, l’unico non disponibile è Giannotta ma comunque coach Franceschin ha a disposizione una rosa lunga che riesce a sopperire a quest’assenza: a dir la verità, l’inizio è propizio per il team ospite, che riesce a mettere subito in moto la coppia Nozzolillo – Bagnarol. Un paio di conclusioni dalla lunga distanza portano avanti Spilimbergo sul 6-12, con il solito inizio “diesel” della Falconstar: piano piano, però, i cantierini rimettono le cose a posto ed innescano i loro lunghi. La superiorità fisica del team di Franceschin dentro l’area è evidente e Macaro (8/11 da due, 2/4 da tre, 3/3 ai liberi, 11 rimbalzi) fa a sportellate con i vari Milickovic, Gaspardo e Bianchini ottenendo buoni risultati: le percentuali sono alte da ambo le parti, con Spilimbergo che punta maggiormente sui “piccoli” e la Falconstar che va più vicino a canestro.

La partita è comunque in equilibrio, la Graphistudio tiene bene grazie ai punti di Bagnarol (5/13 dal campo, 5/5 nei personali), mentre anche Paride Bianchini si fa sentire dentro l’area: i biancorossi riescono a staccare gli avversari nel punteggio solamente verso la fine della seconda frazione, quando un 10-0 propizia il 46-33 al suono della sirena di metà incontro. E’ l’allungo determinante ai fini del risultato, perchè poi nella ripresa la Graphistudio non riuscirà più a colmare il gap: coach Ostan, con le rotazioni corte, fa quello che può ma non riesce a tenere la stessa intensità della Falconstar. Dentro l’area, oltre a Macaro, c’è un Colli (10/18 al tiro, 10/11 ai liberi, 14 rimbalzi) assolutamente inarrestabile, che segna e si guadagna una marea di falli trasformando punti facili dalla lunetta: il lungo biancorosso è l’MVP del match e mette a tacere l’intero reparto interni di Spilimbergo, che nel terzo periodo si becca un 24-11 di parziale. Il match può dirsi definitivamente chiuso già nel terzo quarto, perchè poi l’ultima frazione serve unicamente come “passerella” per i giovani: Franceschin dà spazio anche a Tossut e Vittor, che vanno a referto e coronano il +33 conclusivo con cui Monfalcone vince il derby.

Falconstar Monfalcone: Cacciatori 3, Graziani 12, Macaro 25, Laezza 5, Colli 30, Quargnal 4, Benigni 2, Vittor 2, Franco 5, Tossut 5. All. Franceschin

Graphistudio Spilimbergo: Nozzolillo 12, D’Andrea 6, Bianchini P. 11, Bagnarol 17, Bianchini G. 6, Passudetti 4, Nobile ne, Peresson, Gaspardo 3, Milickovic 1. All. Ostan

Parziali: 25-21; 46-33; 70-44
Arbitri: Roiaz di Trieste e Brocca di Venezia

 Articolo tratto da www.megabasket.it