Graphistudio con l’amaro in bocca

Spilimbergo – Urania Milano 74-85 (17-20, 35-35, 57-57)

E’ una Vis bella, ma incompiuta, quella che deve cedere il passo all’Urania Milano nel terzo turno di andata del campionato di DNB.

Lo scarto finale, 74-85, è un punteggio bugiardo e non rende onore alla prestazione della squadra di Granchi. I padroni di casa si trovano subito ad inseguire sul 17-21 di fine primo quarto, ma non mollano la presa, rispondendo colpo su colpo alle giocate di Torgano e soci iniziando una lenta e inesorabile rimonta che li porta in vantaggio per 57-50 quando mancano 3 minuti alla fine del terzo periodo di gioco. Qui però i Wildcats di Ghizzinardi, trainati da Torgano, Masieri e De Bettin, assestano la zampata che li riporta in parità all’ultimo intervallo. Nell’ultimo periodo Milano è chirurgica e la Vis, complici anche alcune fischiate poco chiare nei momenti topici, sono costretti ad alzare bandiera bianca pur con l’onore delle armi.

“ Se la scorsa settimana ero amareggiato per l’atteggiamento in campo, – afferma coach Granchi. – oggi non posso che essere contento dello spirito dimostrato dai ragazzi. Purtroppo siamo stati poco fortunati nei momenti decisivi del match, ma siamo sulla strada giusta. Ora affrontiamo l’Everest Montichiari, consapevoli di trovarci davanti a una scalata che può sembrare impossibile, ma che se affrontata nella maniera corretta può aiutarci a migliore come collettivo.”

SPILIMBERGO Ferigutti, Passudetti, Mareschi, D’Andrea 2, Magini 9, Jovancic 6,

Bagnarol 17, Bei 20, T. Gaspardo, D. Gaspardo 20. All. Granchi.

URANIA MILANO Pagani 3, Janelidze 5, De Bettin 20, Paleari 11, Masieri 15, Bianchi 10, Resca,
Chiragarula, Biganzoli, Torgano 21. All. Ghizzinardi.

ARBITRI Canazza di Solesino e De Biase di Udine.
NOTE Tiri liberi: Spilimbergo 17 su 26, Urania 19 su 23. Da tre punti:
Spilimbergo: 7 su 21, Urania 8 su 18.