SPILIMBERGO – SAN VENDEMIANO   63 – 60

Una Graphistudio Spilimbergo trasformata ottiene la quarta vittoria consecutiva: di fronte al proprio pubblico, la compagine di Nicola Ostan si trovava di fronte quella San Vendemiano che, fra gli altri, può schierare il pordenonese Andrea Muner oltre al “totem” Carlesso ed il bomber Pin Dal Pos.

Un match godibile perchè giocato con intensità ed agonismo fino al quarantesimo minuto: inizialmente, nessuna delle due squadre fa canestro e ci vuole l’ingresso in campo diUmberto Nobile (4/10 al tiro, 4/4 ai liberi, 6 rimbalzi, 3 recuperi) per smuovere un poco il punteggio sul tabellone; San Vendemiano, però, rimane attaccata ai padroni di casa che riescono a prendersi un lieve vantaggio solamente nel secondo periodo. Sono le iniziative perimetrali a fare la differenza, perché SanVe non ci prende mai da fuori, mentre la Graphistudio riesce a sfruttare i vari Cernivani e Nozzolillo per allungare sul +9 alla sirena di metà partita.
La Rucker, però, ha un asso nella manica che risponde al nome di Andrea Carlesso: il pivot di Volpato confeziona la più classica delle “giornate in ufficio”, con una doppia – doppia da 15 punti (5/8 da due, 5/6 ai liberi) e 14 rimbalzi, ed i lunghi mosaicisti iniziano ad andare in sofferenza. I veneti hanno maggior prestanza fisica rispetto alla squadra di casa, che inizia ad accumulare qualche fallo di troppo; quando poi anche Bovolenta e Pin Dal Pos azzeccano qualche canestro, ecco che la gara si riapre, tanto che la Rucker va avanti di uno al termine del terzo periodo.

L’ultimo quarto è di quelli assolutamente da vivere, perché nessuno dei due team vuole cedere:Cernivani (2/7 da due, 3/6 da tre, 6/7 ai liberi, 9 falli subiti) trascina i suoi a livello di punti, ma poi deve uscire per raggiunto limite di falli a cinque minuti dalla fine. Senza il principale realizzatore, la Graphistudio sopperisce con grinta e combattività, pure se San Vendemiano è sempre avanti. A diciotto secondi dal termine, il punteggio recita 57 – 60: Muner perde palla e Nozzolillo azzecca la bomba del pareggio, poi i padroni di casa cercano il fallo tattico e lo trovano, su Bovolenta. Il play/guardia classe 1991 dei veneti, però, confeziona uno 0/2 sanguinoso ai liberi e Spilimbergo ha tutto il tempo per gestire l’ultimo possesso: la palla arriva in mano a Gaspardo, che sulla sirena insacca la tripla della definitiva vittoria.

Un finale gestito magistralmente, a livello tattico, da Spilimbergo: coach Ostan ha fatto la scelta giusta ed i suoi ragazzi sono stati bravi ad eseguire ed a trovare due triple fondamentali; la quarta vittoria di fila porta la firma di tutto il gruppo, dal reparto lunghi che si è ben sacrificato contro Carlesso e Muner passando attraverso l’ottimo impatto di Nobile, per poi concludere con i punti di Cernivani e Nozzolillo, determinante nel finale.

Graphistudio Spilimbergo: Cernivani 19, Nozzolillo 13, Pavanel, Nobile 13, D’Andrea n.e., G. Bianchini, P. Bianchini 2, Bagnarol 10, Gaspardo 5, Milickovic 1. All. Ostan.
Rucker SanVe San Vendemiano: Masocco 3, Gherardini 3, Rossetto 6, Bovolenta 10, Voltolina 2, Bertolo 4, Bianchini 2, Pin Dal Pos 11, Muner 4, Carlesso 15. All. Volpato.

Parziali: 14-13, 35-26, 45-46
Arbitri: Fior di Noale e Secchieri di Venezia

 

Articolo tratto da www.megabasket.it